Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Maggio 2014

Sfoggià er soriso

Sfoggià er soriso

++

E tira su ‘sta bocca e fa’ un soriso,

nun te se pò vedé sempre intristito,

nun è pe inziste e né pe puntà er dito,

ma solo p’ariaccennete quer viso.

++

Da troppo tempo che s’è immarmolito,

‘no sguardo fisso d’amarezza intriso,

datte ‘na smossa, daje, èssi deciso

aricomincia a ride arimpettito.

*****

Pure che costa un po’ de sacrificio,

e che nun ciài chissà che fantasia,

immaggina a passatte un dentrifricio…

***+

… che fa sfoggià, pe quarche sua maggìa,

trentadu’ denti da stampà, de sghicio,

in faccia a chi t’ha tórto l’alegria. 

*

Stefano Agostino

___________________________

  1. E tira su ‘sta bocca e fa’ un soriso,
    nun te se pò vedé sempre intristito,
    nun è pe inziste e né pe puntà er dito,
    ma solo p’ariaccennete quer viso. … (continua)

    Comment di Stefano — 7 Maggio 2014 @ 07:03
  2. Un atteggiamento positivo è il minimo sindacale col quale approcciarci alla giornata e alla vita, senza dover aspettare un’occasione, tanto motivi per intristirsi ce ne sono a quintali in ogni momento…

    Comment di Silvio — 7 Maggio 2014 @ 08:15
  3. Ridere e sorridere fa bene alla salute!

    Comment di letizia — 7 Maggio 2014 @ 11:04
  4. Ok, “ride’ fa bon sangue” se dice, ma certe vòrte so’ risate a denti stretti, pe’ tanti motivi d’attualità, oppure perché uno porta ‘a dentiera che nun je sta ferma.

    Comment di 'svardoASR'29 — 7 Maggio 2014 @ 15:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>