Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

15 Maggio 2014

Er nato stanco

Er nato stanco

***

“So’ stanco, so’ stremato, so’ distrutto,

sto senza forze, ormai, sto sotto a un treno”,

te sento dì ‘gni vorta e, senza freno,

vai avanti su ‘sta linea e ‘sto costrutto.

***

“So’ demolito, so’ acciaccato in pieno,

sfinito come un torzolo de un frutto”,

nun l’hai capito ancora, e quest’è er brutto,

che a me nun me ne pò fregà de meno!

***

Ce credo poco a la stanchezza eterna,

credo de più a che sei nato stanco

e che quarziasi cosa te squinterna.

***

Te stanchi pure a fà un quarto de metro,

me chiedo e la risposta lasso in bianco,

che j’aricconterai quer dì a San Pietro?

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. “So’ stanco, so’ stremato, so’ distrutto,
    sto senza forze, ormai, sto sotto a un treno”,
    te sento dì ‘gni vorta e, senza freno,
    vai avanti su ‘sta linea e ‘sto costrutto. … (continua)

    Comment di Stefano — 15 Maggio 2014 @ 06:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>