Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

21 Maggio 2014

Europee 2014

Europee 2014

***

Ma stai a vedé che cià raggione quello?

Ma no, quel’artro nun me pare male.

E l’artro ancora, invece? Quello vale,

ma l’artro, ancora ancora, è anche più bello.

***

La solita campagna elettorale,

le solite promesse cor tranello,

ricette pe guarì dar gran macello

de ‘sto Paese ormai ch’è ar funerale.

***

Tra Renzi, Arfano, Grillo e Berlusconi,

Di Pietro co Sarvini a chiude er mazzo,

 tutti a pontificà, quanto sò boni.

***

 J’abbasta importronasse in quer Palazzo,

ma dopo ch’hanno vinto le elezzioni,

… la rima falla tu,  finisce in “AZZO”. 

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Ma stai a vedé che cià raggione quello,
    quel’artro pure nun me pare male,
    quel’artro ancora, quer che dice, vale
    e l’artro ancora ancora è anche più bello. … (continua)

    Comment by Stefano — 21 Maggio 2014 @ 06:55
  2. Proprio non saprei a chi dare il voto: prima promettono e poi dimenticano!

    Comment by letizia — 21 Maggio 2014 @ 17:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>