Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Maggio 2019

Er giorno prima de l’elezzioni

Er giorno prima de l’elezzioni

***

È er giorno der silenzio elettorale,

‘ndò nun ce sò tribbune, né comizzi,

s’attenne tutti zitti finché inizzi

la sfida a l’urna ch’è domenicale.

***

E senza più artri lazzi e artri frizzi,

 ‘gni elettore penza a chi e a quale

lista dà er voto, senza fasse male,

da 18 anni fino a in de l’ospizzi.

***

Che bello ‘sto silenzio, senza strilli,

senza inzurtasse l’un l’artro a vicenna

senza l’applausi facili e li squilli.

***

Poi da domani ‘gnuno se scotenna,

s’aricomincia a urlà, perciò, tranquilli,

rimpiagneremo oggi, co ‘sta strenna.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. È er giorno der silenzio elettorale,
    ‘ndò nun ce sò tribbune, né comizzi,
    s’attenne tutti zitti finché inizzi
    la sfida a l’urna ch’è domenicale. … (continua)

    Comment di Stefano — 24 Maggio 2014 @ 06:59
  2. Nel silenzio che precede, come di consueto, il responso dell’urna; mo sovviene il ricordo di Cronin con il suo: “A riveder le stelle”!

    Comment di 'svardo — 3 Marzo 2018 @ 11:43
  3. Chiedo venia: la memoria mi ha tradito. Il titoloesatto del libro di Cronin è: “Le stelle stanno a guardare”; speriamo anche che ci guidin!

    Comment di 'svardo — 3 Marzo 2018 @ 16:37
  4. Votare domani sarà un problema! Speriamo che mi venga in mente una buona ispirazione!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 25 Maggio 2019 @ 11:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>