Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

23 Aprile 2016

Trilussa – Un carzolaro che se fida

Un carzolaro che se fida

***

Doppo avé messo le scarpette ar piede,

m’ha dato un cento. – Eh, dico, nun ciò er resto …

– Bè, – dice – cambio e torno, faccio presto… –

Ma è già passato un quarto e nun se vede.

***

Io che dovevo fà? Come succede,

j’ho detto: “Oh vadi puro, in quanto a questo, –

nun so’ ito a penzà ch’era un pretesto

pe truffà un poveraccio in bona fede.

***

Abbasta: io mó telefono in questura,

nun se ponno sbajà, cià la pajetta,

li pantaloni blu, la giacca scura…

***

Uh, zitto, ch’aritorna … apre la porta …

– Riverito, signore – Eh, quanta fretta!

Me li poteva dà un’antra vorta!

***

Trilussa

_________________________

  1. Doppo avé messo le scarpette ar piede,
    m’ha dato un cento. – Eh, dico, nun ciò er resto …
    – Bè, – dice – cambio e torno, faccio presto… –
    Ma è già passato un quarto e nun se vede. … (continua)

    Comment by Stefano — 31 Maggio 2014 @ 08:34
  2. Buongiorno e buon sabato a tutti coloro che passano da qui!

    Comment by letizia — 31 Maggio 2014 @ 09:30
  3. Ok, famo a fidasse? Meno male che nun so’ tutti disonesti. Daje ch’ereno artri tempi.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 31 Maggio 2014 @ 17:42
  4. Bongiorno. Se3 dice a Roma: Aoh, famo a fidasse …; e ner penziero: Speramo che l’ariporta, sinnò come lo pijo ….

    Comment by 'svardo AsR '929 — 23 Aprile 2016 @ 09:57
  5. Una volta una simile situazione è capitata a me: e ad averlo pensato mi sono vergognata come un ladro. Succede.
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 23 Aprile 2016 @ 10:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>