Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

5 Giugno 2014

Ciao Giuse’

Ciao Giuse’

***

Giuseppe, mio caro amico “virtuale”,

come se dice guasi a svilimento,

de un’amicizzia, quanno er fonnamento

nun ce l’ha tutto ner monno reale.

***

Invece io penzo che sia un sentimento

che se pò esprime, e tanto vale uguale,

anche in un monno, nun innaturale,

come quello der “web”, che c’è ar momento.

***

Io lo farò quer libbro che m’hai detto,

scrivennome quel’urtimo messaggio,

pijo ‘st’impegno dentro a ‘sto sonetto.

***

E quer favore che m’hai chiesto, adaggio,

 conzideralo fatto, è dentro ar petto,

‘sta lacrima è pe te, mó fa’ bon viaggio.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Giuseppe, mio caro amico “virtuale”,
    come se dice guasi a svilimento,
    de un’amicizzia, quanno er fonnamento
    nun ce l’ha tutto ner monno reale. … (continua)

    Comment di Stefano — 5 Giugno 2014 @ 07:11
  2. Non conosco Giuseppe, ma per lui dico una requiem, che riposi in pace e così sia.

    Comment di letizia — 5 Giugno 2014 @ 10:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>