Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Poesie romanesche

1 Giugno 2019

Trilussa – Er Pappagallo

Er Pappagallo

***

Er Pappagallo d’un repubbricano,

ch’era ‘na bestia tanto inteliggente,

perché parlava mejo d’un cristiano,

da quattro o cinque giorni stava strano,

s’era abbacchiato e nun diceva gnente.

***

“Che t’è venuta? La nevrastenia?”

je chiese un Gatto – “hai perzo la parola?

Su, coraggio. Sta’ alegro. Tira via”.

– “Eh, – fece lui – la corpa nun è mia,

è tutta der padrone che ciriòla!”

***

Prima, defatti, me diceva spesso

che dovevo strillà: Viva Mazzini.

Evviva la Repubbrica! … Ma adesso

si lo dico me mena, e già è successo,

ch’ha mannato a chiamà li questurini.

***

Capisco l’interessi perzonali

j’avranno rotto li convincimenti,

j’avranno buggerato l’ideali:

ma lassi armeno in pace l’animali

che sò contrari a certi cambiamenti.

***

Fra tutte l’antre cose che m’ha imposto,

jeri m’ha detto: – Strilla: evviva er Re – 

– Ah, mó pretenni troppo – j’ho risposto – 

Riparto pe l’America, piuttosto.

Nun faccio er burattino come te.

***

Trilussa

***

  1. Er Pappagallo d’un repubbricano,
    ch’era ‘na bestia tanto inteliggente,
    perché parlava mejo d’un cristiano,
    da quattro o cinque giorni stava strano,
    s’era abbacchiato e nun diceva gnente. … (continua)

    Comment di Stefano — 7 Giugno 2014 @ 09:34
  2. Come detto artre vòrte, er Trilussa è sempre contemporaneo, nun ‘nvecchia mai: uguale ar Belli e mo …. c’è Stefano..

    Comment di 'svardoASR'29 — 7 Giugno 2014 @ 13:41
  3. Buonasera a tutti!
    …. e ‘svardo c’ha ragione: mo’ c’è Stefano!

    Comment di letizia — 7 Giugno 2014 @ 16:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>