Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Settembre 2018

Arzamme dar letto de lunedì

Arzamme dar letto de lunedì

***

Nun je la faccio oggi, sarà er callo,

sarà ch’è lunedì o che ciò sonno,

sarà quarcosa ch’è anniscosta in fonno,

ma nun me va, già solo che a penzallo.

***

E invece m’ho da arzà da lo sprofonno

der letto che, sortanto che a guardallo,

me mette nostargia, ché a nun lassallo

ce pagherebbe tutto l’oro ar monno.

***

M’ho da levamme in piedi, e pure presto,

si è già ‘no sforzo er semplice penziero,

figurate che è, a fallo er gesto.

***

Ma quanno me so’ arzato pe davero,

me renno conto che mica so’ desto,

ma dormo, ch’è più svejo un cimitero.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Nun je la faccio oggi, sarà er callo,
    sarà ch’è lunedì o che ciò sonno,
    sarà quarcosa ch’è anniscosta in fonno,
    ma nun me va, già solo che a penzallo. … (continua)

    Comment by Stefano — 9 Giugno 2014 @ 07:01
  2. Ahò oggi è veramente durissima. E’ l’inizio, il rientro generale, il ricomincia tutto… Questo è un super lunedì, come lo è stato l’8 gennaio scorso, insomma uno dei più brutti dell’anno!

    Comment by Silvio — 3 Settembre 2018 @ 09:51
  3. Facciamo una protesta e per abolire il lunedì!
    Buon Lunedì!

    Comment by letizia — 3 Settembre 2018 @ 11:50
  4. Daje, nun state a lagnavve der Lunedì ché, quanno v’ariverà ‘a penzione, ve stuferete de quanti Lunedì … nun fate ‘n’acca.

    Comment by 'svardo — 3 Settembre 2018 @ 16:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>