Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Giugno 2014

Piove sur bagnato

Piove sur bagnato

***

E m’aritrovo a buttà giù un sonetto,

trattanno de ‘na solita questione:

a Roma, ormai, ‘gni pioggia è un’alluvione,

che porta assieme a sé lo stesso effetto.

***

L’asfarto che se scoccia a profusione,

‘gni fogna che diventa rubbinetto,

‘na buca ‘gni du’ metri e tu costretto

a fà ‘gni uno quarche converzione.

***

Raggiunge er posto de lavoro o casa,

nun è più ‘na certezza, è ‘na speranza,

de nun trovà la strada chiusa o invasa.

***

E intanto piove, piove e piove a ortranza,

che chiederò a Noè, si nun je sfasa,

si a l’arca ha un posto vòto che j’avanza.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. E m’aritrovo a buttà giù un sonetto,
    trattanno de ‘na solita questione:
    a Roma, ormai, ‘gni pioggia è un’alluvione,
    che porta assieme a sé lo stesso effetto. … (continua)

    Comment di Stefano — 16 Giugno 2014 @ 07:17
  2. Il pensiero del giorno sintetizza magistralmente i comuni disagi e le più intime imprecazioni!

    Comment di Silvio — 16 Giugno 2014 @ 09:28
  3. Stanotte, tra acqua e fulmini è stata un’iradidio!

    Comment di letizia — 16 Giugno 2014 @ 10:03
  4. Ogni anno aumenta la caratteristica tropicale delle mezze stagioni. Non c’entra solo il comune, o le strade, o il destino zozzo e baro. Semplicemente, le bombve d’acqua non cadevano mai fino a dieci anni fa. Il clima è cambiato, e di tanto. Ogni tanto (dal 1989) a fine luglio io mi reco in un rifugio dolomitico dove c’è una splendida vista sul ghiacciaio nella marmolada. Ho le foto del 1990, del 1992, 1997, 2001, 2005, 2010. Il ghiacciaio è sempre inesorabilmente più corto. L’effetto serra non è una leggenda, purtroppo è un fenomeno vero, verissimo. Il clima è diventato tropicale, il freddo è limitato a una settimana o poco più d’inverno.
    Le cause? Colpa nostra. Auto, aerei, condizionatori… Stiamo uccidendo e collassando gli equilibri del pianeta Terra. I miei figli e i nipoti conosceranno un pianeta diverso da quello che ho consociuto io. E non sarà migliore. quello che vedranno loro.

    Comment di Pablo BigHorn — 16 Giugno 2014 @ 16:29
  5. Che tristezza!

    Comment di letizia — 16 Giugno 2014 @ 18:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>