Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Giugno 2014

La vita è ‘na partita

La vita è ‘na partita

***

Sarà pe ‘na questione mia de tigna,

nun me rassegno, manco a l’evidenza,

e sbajo, ce lo so, vabbè pazzienza,

si ar posto der cervello ciò ‘na pigna.

***

Ma vojo crede sempre, come scènza,

a che ‘sta vita quello che sgraffigna,

te lo ridà, prima che se la svigna,

co l’interessi, pure, a l’occorenza.

***

Perciò si pìo tre pali e ‘na traverza,

ma nun me fermo, manco si va storta,

nun sarà né la prima, né la terza …

***

… e nun so manco io quale artra vorta,

ma prima de sancì  “partita perza”,

un GOL lo faccio dentro a quela porta.

***

Stefano Agostino

_________________________________

  1. Sarà pe ‘na questione mia de tigna,
    nun me rassegno, manco a l’evidenza,
    e sbajo ce lo so, vabbè pazzienza,
    si ar posto der cervello ciò ‘na pigna. … (continua)

    Comment di Stefano — 26 Giugno 2014 @ 07:21
  2. La sfiga esiste e quando la palla non entra te ce rode ma fa parte del gioco! Quello che più mi fa imbestialire è che nel calcio ci sono regole ben precise, che per tutti si applicano ma per “qualcuno” si interpretano…

    Comment di Silvio — 26 Giugno 2014 @ 09:38
  3. “….a che ‘sta vita quello che sgraffigna,

    te lo ridà, prima che se la svigna,…”, è bello, ma non è sempre così!

    Comment di letizia — 26 Giugno 2014 @ 09:56

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>