Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

27 Giugno 2014

Trilussa – Pe le scale

Pe le scale

***

Quanno la viddi entrà ner portoncino,

je dissi ‘na parola piano piano,

lei rispose ridenno; ar mezzanino

tutt’e dua se toccassimo le mano.

***

Io me fece coraggio: ar primo piano

je detti un bacio propio spizzichino;

arivati ar seconno, sur ripiano,

‘na ventata ce smorzò er ber cerino.

***

Mejo che mejo. Propio a mezze scale,

io nun potette stà, l’abbraccicai.

Voi ch’avressivo fatto? Tale e quale.

***

Ar terzo piano seguitò a stà zitta,

ma ar quarto fece; “Ohé? Ma che farai,

quanno ch’ariveremo su in soffitta?”

***

Trilussa

_____________________________

***

  1. Quanno la viddi entrà ner portoncino,
    je dissi ‘na parola piano piano,
    lei rispose ridenno; ar mezzanino
    tutt’e dua se toccassimo le mano. … (continua)

    Comment by Stefano — 27 Giugno 2014 @ 18:12
  2. Buon sabato a tutti!

    Comment by letizia — 28 Giugno 2014 @ 09:27
  3. Sarebbe stata da ‘ntitola’: Er Provolone.
    Speramo de pòte’ tifa’ pe Maicon, se lo fanno gioca’.

    Comment by 'svardoASR'29 — 28 Giugno 2014 @ 10:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>