Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Luglio 2014

Nun ciài più vent’anni

Nun ciài più vent’anni

***

Lo vòi capì che nun ciài più vent’anni,

che si la sera bevi più de un goccio,

tanto nun t’entra in testa, sei de coccio,

er giorno dopo, poi, paghi li danni?

***

Lo so, nun me guardà così, te scoccio,

ma è la verità, nun ce sò inganni,

nun sei più quer pischello e mó t’affanni

pe restà svejo, dopo quer bisboccio.

***

Ciài li riflessi, solo un po’ più lenti,

de un bradipo rivisto a la moviola,

ma tanto nun m’ascorti e nun me senti.

***

E so’ sicuro che ‘sta mia parola,

com’è ch’è entrata, è un fatto de corenti,

esce da l’artro orecchio e mòre sola.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Lo vòi capì che nun ciài più vent’anni,
    che si la sera bevi più de un goccio,
    tanto nun t’entra in testa, sei de coccio,
    er giorno dopo, poi, paghi li danni? … (continua)

    Comment di Stefano — 10 Luglio 2014 @ 07:02
  2. Bongiorno Ste’ e grazie der promemoria. Embeh, si, quarche vòrta vie’ ‘a tentazzione de godesse ‘n goccetto de più, poi ce penzi e eviti.
    Che ce vòi fa’? Semo nati prima.

    Comment di 'svardoASR'29 — 10 Luglio 2014 @ 08:29
  3. Purtroppo, il tempo passa, e tante cose che prima si potevano fare ora non si devono fare più!

    Forte il pensiero del giorno, ci stavo pensando proprio stanotte.
    Non so voi, ma io faccio il tifo per l’Argentina, perchè “la culona” non mi piace per niente.

    Comment di letizia — 10 Luglio 2014 @ 10:14
  4. Strepitoso il pensiero del giorno: derby in Vaticano!

    Comment di Silvio — 10 Luglio 2014 @ 14:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>