Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 ottobre 2018

Mòre er santo

Mòre er santo

***

E mòre er santo, sì, mòre er malato,

mòre chi nun se lagna e chi è un poraccio,

mòre chi vive solo, come straccio,

mòre er signore, pòro e arovinato.

*** 

Mòre chi lega un laccio forte ar braccio,

chi nun lo sa nemmanco lui si è nato,

chi ama, quanno er reso nun è er dato,

e chi nun sa più strignese in abbraccio.

 ***

Mòre chi nun lo sfonna mai quer muro,

chi sbaja e sbaja e sbaja e ancora e assai,

chi cià un NO così dentr’ar futuro.

cos ***

Mòre chi soffre e chi campa de guai,

ma de ’na cosa pòi stanne sicuro:

chi rompe er cazzo, lui, nun mòre mai.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. E mòre er santo, sì, mòre er malato,
    mòre chi nun se lagna e chi è un poraccio,
    mòre chi vive pe vive da straccio,
    mòre er signore arovinato. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 luglio 2014 @ 07:55
  2. Li rompicojoni nun mòrono mai! Si riproducono continuamente, è una fabbrica h24 eheheh !!!

    Comment by Silvio — 18 luglio 2014 @ 08:22
  3. Bella chiusa a sorpresa. Solo a ripensalla, me verà da ride’ pe tutta ‘a giornata.

    Comment by 'svardoASR'29 — 18 luglio 2014 @ 08:39
  4. Fantastico: fino all’ultimo verso, non si sa dove va a parare!

    Comment by letizia — 18 luglio 2014 @ 09:00
  5. Ecco, tanto dovèmo morì tutti, poveri e ricchi, virtuosi e gaudenti, instancabili e sfaticati, generosi e spilorci, è questa l’unica vera immutabile democrazia!

    Comment by Silvio — 23 ottobre 2018 @ 09:48
  6. “…chi rompe er cazzo, lui, nun mòre mai.” Sapessi come sono in sintonia con te! Oggi ne ho avuta un’altra conferma!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 23 ottobre 2018 @ 11:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>