Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Maggio 2018

Dar Vangelo der giorno: “er Magnificat”

Dar Vangelo der giorno: “er Magnificat”

***

“L’anima Mia magnifica er Signore”,

– Maria quer giorno esclamò esurtante,

innanzi a Elisabbetta che, gestante,

sentì su’ fìo già parpità d’Amore.

***

Maria poi seguitò a voce squillante: 

“esurto in Dio che è er Mio Sarvatore”,

preludio ar canto ar Vespro ne le ore

de quel’intera umanità orante.

***

“Magnificat”, sto canto Suo de lode,

in cui esarta Dio, l’Onnipotente,

pe quer ch’ha fatto a l’omo e che è un’Ode …

***

… che nun ce sta poeta, pur credente,

che possa scrive verzi, arie e code,

de tale Fede, e che ar confronto è gnente.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. “L’anima Mia magnifica er Signore”,
    – Maria quer giorno esclamò esurtante,
    dinnanzi a Elisabbetta che, gestante,
    sentì su’ fìo parpità d’Amore. … (continua)

    Comment by Stefano — 15 Agosto 2014 @ 07:15
  2. AMEN !!!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 15 Agosto 2016 @ 10:19
  3. Grazie Stefano per i versi di oggi: sono una preghiera!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 31 Maggio 2018 @ 10:20
  4. A Stè, credo che tu abbia già raggiunto una discreta raccolta di sonetti su brani evangelici. E’ un cammino parallelo a quello liturgico, che esalta la Parola e ce la avvicina con un linguaggio più popolare e più familiare. Complimenti!

    Comment by Silvio — 31 Maggio 2018 @ 10:50
  5. Ber sonetto ch’aricorda l’Annunciazzione e il Magnificat della Vergine Maria.

    Comment by 'svardo — 31 Maggio 2018 @ 12:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>