Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

21 Agosto 2014

Preghiera p’er lettore

Preghiera p’er lettore

***

Nun sarà sempre facile, davero,

tené ‘sti ritmi da un sonetto ar giorno,

ma prima d’annà via e nun fà ritorno,

tu che me leggi, ascorta ‘sto penziero.

***

Ce proverò, fin quanno me ce scorno,

a continuà a strofà ‘gni giorno intero,

un fatto, dar più alegro ar nero nero,

che è da verzeggià e me gira attorno.

***

Ma er giorno che nun trovi scritto gnente,

ce l’ho co te, amico mio lettore,

te chiedo d’èsse solo un po’ pazziente.

***

Magara d’aspettà ventiquattr’ore

o er tempo che ce vò perché ‘sta mente

sappià rimà quer che je dice er còre.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

  1. Nun sarà sempre facile, davero,
    tené ‘sti ritmi da un sonetto ar giorno,
    ma prima d’annà via e nun fà ritorno,
    tu che me leggi, ascorta ‘sto penziero. … (continua)

    Comment di Stefano — 21 Agosto 2014 @ 02:54
  2. Caro Stefano, i tuoi sonetti sono sempre bellissimi (compreso quello odierno), e se qualche volta non ti senti di scriverne uno nuovo, basterà andare nell’elenco completo e pescarne uno dei tanti che fa sempre piacere rileggere.
    Buona giornata a tutti!

    Comment di letizia — 21 Agosto 2014 @ 11:21
  3. Letizia, grazie. Tvb.

    Comment di Stefano — 21 Agosto 2014 @ 11:54
  4. Tranquillo Ste’, l’essenziale è che ce sei. Te concedemo, pe quarche vòrta de fa “sega ar sonetto”, senza che hai da porta’ ‘a giustificazzione.
    D’artronne er signore der sonetto sei tu e sei libbero de fa’ come mejo te senti.

    Comment di 'svardoASR'29 — 21 Agosto 2014 @ 13:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>