Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

16 settembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

***

Gesù, a li discepoli in preghiera,

je fece allora, in separata sede:

“La gente ve domanna mai, ve chiede

chi so’ e che sto a fà qui su ’sta Tera?

 ***

Vojo sapé si ce sta chi me crede,

e crede a ’sta parola mia, ch’è vera”,

e a la risposta poi chiese a chi c’era:

“E voi che dite? So’ o nun so’ l’erede?”

 ***

“Tu sei Cristo Gesù, ch’è er Fìo de Dio”,

rispose, trasparente com’er vetro,

Simone er pescatore e Gesù: “Io…

 ***

…dico che sei la pietra, e sarai Pietro,

su cui fonnà la chiesa, e er mazzo mio

de chiavi de Lassù, ma viemme addietro!”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Gesù, a li discepoli in preghiera,
    je fece allora, in separata sede:
    “La gente ve domanna mai, ve chiede
    chi so’ e che sto a fà qui su ’sta Tera? … (continua)

    Comment by Stefano — 24 agosto 2014 @ 06:09
  2. Bongiorno e che Il Cristo sia con noi!

    Comment by 'svardo — 16 settembre 2018 @ 10:24
  3. “…Vojo sapé si ce sta chi me crede,e crede a ’sta parola mia, ch’è vera…”: quanti di noi portano la croce e credono veramente?
    Buona domenica!

    Comment by letizia — 16 settembre 2018 @ 11:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>