Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Agosto 2014

Ancora su le “strisce blu”

Ancora su le “strisce blu”

***

Cor rischio de sembrà ripetitivo,

riparlo de le strisce blu e Marino,

‘na cosa che me tocca da vicino,

si me ripeto, quinni, c’è un motivo.

***

Un giorno solo e a Roma è già casino,

li mezzi, pure inder periodo estivo,

trabboccheno che, a stento, c’esci vivo

tra er puzzo de sudore e pecorino.

***

Te credo, mó la striscia blu è un salasso,

ce butto lo stipendio si parcheggio

p’annà a lavoro, e no de certo a spasso.

**

E credo che a annà avanti andrà anche peggio,

perciò, Marino, nun lo fà ‘sto passo,

 penza così chi t’ha votato ar seggio. 

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. Cor rischio de sembrà ripetitivo,
    riparlo de le strisce blu e Marino,
    ‘na cosa che me tocca da vicino,
    si me ripeto, quinni, c’è un motivo. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Agosto 2014 @ 07:12
  2. Ner programma de Marino c’era ‘a riduzzione de armeno er 20% d’a circolazzione privata. Prima ve sta a fa’ ‘e zone pedonali pe renne difficile circola’ co la machina, poi te salassa cor parcheggio e appresso tirerà fòra quarc’antra diavoleria p’accentua’ l’operas de dissuassione. Armeno su sto punto sta a mantene’ ‘a promessa. Quindi: “omo avvisato mezzo sarvato”.

    Comment by 'svardoASR'29 — 26 Agosto 2014 @ 09:23
  3. Benatia è andato: era ora!

    Comment by letizia — 26 Agosto 2014 @ 22:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>