Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

30 Agosto 2014

L’allarme

L’allarme

***

Nun c’è ‘na notte senza ‘na sirena

che scatta, squilla, sona, sbraita e strilla,

nun c’è ‘na notte che passi tranquilla,

senza un allarme che nun se scatena.

***

È peggio de la sveja quanno squilla,

o de l’urlaccio “ridenz” de ‘na jena,

che poi è er tuo, pe quanto t’avvelena,

e scenneresti giù pe tramortilla.

****

Pò èsse de un negozzio o appartamento

‘na machina oppure un motorino,

er sono è uguale a un rincojonimento.

***

Ché te trasformeresti in assassino,

si avessi l’inventore qui un momento,

… poi smette de sonà quann’è matino. 

***

Stefano Agostino

____________________________________

******

  1. Nun c’è ‘na notte senza ‘na sirena
    che scatta, squilla, sona, sbraita e strilla,
    nun c’è ‘na notte che passi tranquilla,
    senza un allarme che nun se scatena. … (continua)

    Comment by Stefano — 30 Agosto 2014 @ 06:45
  2. Se non ci sono gli allarmi, c’è la sirena dei pompieri, dell’ambulanza, della polizia… Fa tutto parte della vita.
    Buon sabato a tutti e sempre FORZA ROMAAAAAAAAA!!!!!!!!!!

    Comment by letizia — 30 Agosto 2014 @ 11:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>