Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Settembre 2014

Er lavavetri e l’ombrellaro

Er lavavetri e l’ombrellaro

***

Er lavavetri è come l’ombrellaro,

uno cor sole, l’artro quanno piove,

li trovi dapertutto, in de ‘gni dove,

a ‘gni angolo e a ‘gni pizzo, anch’er più raro.

***

Appena scatta er rosso, er primo move

diretto sopr’ar vetro tuo che, ignaro,

je provi a dì de no: “Nun vedi? È chiaro”,

che quello sta a pulì già a forza nove.

***

E abbasta solo un po’ de cèlo scuro,

che l’artro sàrta fòri e, si ce l’hai,

te vò ammollà un ombrello p’er futuro.

***

Ma quanno er vetro è zozzo o piove assai,

che nun sai come fà, pòi stà sicuro,

che l’uno e l’artro nun li trovi mai !!!

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Er lavavetri è come l’ombrellaro,
    uno cor sole, l’artro quanno piove,
    li trovi dapertutto, in de ‘gni dove,
    a ‘gni angolo e a ‘gni pizzo, anch’er più raro. … (continua)

    Comment di Stefano — 2 Settembre 2014 @ 08:18
  2. Bello! la seconda terzina è proprio veritiera!

    Comment di letizia — 2 Settembre 2014 @ 17:54
  3. Nun li trovi perché stanno ar riparo dentro le stazioni de la Metro; cmq sempre a venne l’ombrelli.

    Comment di 'svardoASR'29 — 2 Settembre 2014 @ 18:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>