Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Settembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

***

Gesù je disse: “Si quarche fratello,

ce l’ha co te, e sta in corpa, va’ da lui,

vacce a parlà, e li penzieracci bui,

prova a limalli, senza fà un bordello.

***

Sippoi continua a avé l’idee pe cui

t’ha già stranito, nun lo fà un macello,

co artri due o in assemblea un cervello

pò raggionà, sinnò sò affari sui.

***

E quer che legherete su la Tera,

o sciojerete, pari pari in Cèlo,

sarà legato o sciorto Lì com’era.

***

Già che ce sto, ve levo un artro velo:

si due riuniti, in Nome Mio in preghiera,

chiedeno ar Padre, ottengheno e co zelo”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Gesù je disse: “Si quarche fratello,
    ce l’ha co te, e sta in corpa, va’ da lui,
    vacce a parlà, e li penzieracci bui,
    prova a limalli, senza fà un bordello. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 Settembre 2014 @ 07:49
  2. STUPENDO! Sei un Poeta vero.

    Comment by letizia — 7 Settembre 2014 @ 11:17
  3. Consideranno che in Dio semo tutti fratelli, se potrebbe anna’ da Renzi pe chiari’ che cacchio pretenne ancora da sto popolo ciorcinato. De certo nun ce potraà arisponne, perchè, all’infòri de vole’ pure l’anima nostra,nun ce lo sa manco lui. Lui segue i dettami de la Merkel.

    Comment by 'svardoASR'29 — 7 Settembre 2014 @ 14:26
  4. Il bene dei nostri fratelli è anche compito di ognuno di noi! Ovviamente con la dovuta delicatezza!
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 10 Settembre 2017 @ 10:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>