Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Settembre 2014

Lo sboccià de un sonetto

Lo sboccià de un sonetto

***

Quanno nun viè ‘no straccio de un’idea,

pe tirà giù du’ strofe e fà un sonetto,

che nun sia robba più p’er gabbinetto,

de quella che sostanzia ‘na diarrea …

***

… me fermo solo un attimo e rifletto

respiro carmo, l’aria a la trachea

che scenne lentamente e ce s’allea

a li pormoni giù da fonno ar petto …

***

… che quanno ch’arisale butta via,

quello che nun è ossiggeno vitale,

da le narici e da la bocca mia …

***

… in quer momento, ch’è così speciale,

 che nasce, partorita pe maggìa,

una quartina e un’artra … eppoi er finale.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Quanno nun viè ‘no straccio de un’idea,
    pe tirà giù du’ strofe e fà un sonetto,
    che nun sia robba più p’er gabbinetto,
    de quella che sostanzia ‘na diarrea … (continua)

    Comment di Stefano — 20 Settembre 2014 @ 07:02
  2. Per come la descrivi, questa nascita sembra una cosa semplicissima!
    Buon sabato a tutti e sempre FORZA ROMAAAAAAAA!

    Comment di letizia — 20 Settembre 2014 @ 08:39
  3. Trovato er tema e fatta ‘a prima rima, poi tutto vie’ facile. A me nun m’ariesce.

    Comment di 'svardoASR'29 — 20 Settembre 2014 @ 13:24
  4. Ti posso commissionare un sonetto sull’Inail??!!

    Comment di principessa — 25 Settembre 2014 @ 12:31
  5. Penzo che bisognerebbe daje ‘na dritta, pe sape’ s’ha da descrive ‘n carozzone de magna €uro o ‘n’Istituto dedito a l’antinfortunistica.

    Comment di RomamoR AsR '929 — 26 Settembre 2014 @ 10:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>