Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Settembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “er Padrone de la Vigna”

Dar Vangelo der giorno: “er Padrone de la Vigna”

***

“Er Regno – disse – è come quer Padrone

che cerca chi lavora la Sua vigna,

così che sorte a l’arba, eppoi, de tigna,

sta fin’a sera a recrutà perzone.

***

Esce a le nove e a mezzodì e risvigna

pure a le tre e a le cinque, stessa azzione,

vòle trovà chi è senza occupazzione,

pe fàllo guadambià, così nun sghigna.

***

A sera je dà a tutti quanti un sòrdo,

quarziasi ora se sò presentati,

e si li primi nun saran d’accordo …

***

… d’èsse l’uguali a l’urtimi pagati,

Lui je dirà così: “Io v’aricordo

che noi così se semo accordati …

***

… così sarà Lassù, pe fà un raccordo,

succederà che l’urtimi arivati,

  saranno primi Là a salì a bordo”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. “Er Regno – disse – è come quer Padrone
    che cerca chi lavora la Sua vigna,
    così che sorte a l’arba, eppoi, de tigna,
    sta fin’a sera a reclutà perzone. … (continua)

    Comment by Stefano — 21 Settembre 2014 @ 08:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>