Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

22 Settembre 2014

Estate 2014

 Estate 2014

 ***

L’estate de quest’anno s’è anniscosta

come in letargo, guasi s’è addormita

a giugno, lujo e agosto, così è ita,

nun solo in pizzo ar monte, ma anche in costa.

***

Ma adesso che dovrebbe èsse finita,

(settembre stà pe conzumà la sosta,

pe faje spazzio a Autunno) nun se sposta,

se fa sentì, come nun mai s’è udita.

***

L’umidità se taja cor cortello

se suda anche sortanto respiranno,

paremo anfibi ar centro de un ruscello.

***

Ma quanno tornerà, me chiedo quanno,

un tempo sano in cui er brutto e er bello,

li fa seconno le staggioni a l’anno?

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. L’estate de quest’anno s’è anniscosta
    come in letargo, guasi s’è addormita
    a giugno, lujo e agosto, così è ita,
    nun solo in pizzo ar monte, ma anche in costa. … (continua)

    Comment di Stefano — 22 Settembre 2014 @ 09:41
  2. In risposta a l’urtima terzina dico:”Nun c’è più gniente da fare….”, cantava ‘na canzone der passato. A New York fanno ‘a marcia contro er meteo diluviante, ma quelli marceno, marceno e poi … marcischeno.

    Comment di 'svardoASR'29 — 22 Settembre 2014 @ 09:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>