Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Ottobre 2017

Dar Vangelo der giorno: “un padre co du’ fìi”

Dar Vangelo der giorno: “un padre co du’ fìi”

***

Gesù je fece a sacerdoti e anziani:

“Un omo co du’ fìi, je dice ar primo,

va’ a lavorà la vigna e quello: – Imo –

ma nun ce va, né oggi e né domani.

***

L’artro fratello: – No, manco a li cani –

je fa ar padre, ma se pente e, dimo,

che invece poi ce va, chi è che stimo?”

Risposero: “Er seconno, co occhi sani”.

***

“In verità ve dico, è questo er punto”,

je replicò Gesù, “chi m’ha creduto,

prima de voi in Cèlo sarà aggiunto.

***

Pentisse, anche a l’urtimo minuto,

sarva ‘gni omo, anch’er più bisunto,

si è vero pentimento conosciuto”.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. Gesù je fece a sacerdoti e anziani:
    “Un omo co du’ fìi, je dice ar primo,
    va’ a lavorà la vigna e quello: – Imo –
    ma nun ce va, né oggi e né domani. … (continua)

    Comment by Stefano — 28 Settembre 2014 @ 08:24
  2. La Misericordia di Dio è infinita!

    Comment by letizia — 28 Settembre 2014 @ 10:18
  3. Bon giorno e … Bon mese a tutti speranno a’n’ottobrata de quelle speciali de Roma.
    ………………..
    Er Vangelo ce dice che Cristo è ‘a porta che rimane aperta fin’a l’urtimo momento d’a vita, pe’ chi se revvede da ‘na vita fatta su ‘na strada storta.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 1 Ottobre 2017 @ 08:51
  4. Lo sappiamo: Gesù è misericordioso e ci perdona sempre, ma il pentimento deve essere sincero e scaturire dal cuore!
    Buona Giornata e Buon Ottobre!

    Comment by letizia — 1 Ottobre 2017 @ 12:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>