Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

30 Giugno 2018

Aldo Fabrizi – Nun m’aricordo bene

Nun m’aricordo bene

***

Nun m’aricordo bene in che paesetto,

quanno che mòre un capo de famìa,

er parentado je fa compagnia,

facenno un pranzo intorno ar cataletto.

***

La tradizzione vò che ‘sto banchetto,

preparato durante l’agonia,

se faccia, senza tanta ipocrisia,

cor medico, cor prete e er chirichetto.

***

Doppo li pianti, la famìa se carma,

e ar punto che la pasta viè servita,

se brinda a la salute de la sarma.

***

Poi c’è l’invito, pe nun faje un torto,

e si a ‘st’invito nun ritorna in vita,

significa ch’er morto è propio morto.

***

Aldo Fabrizi

__________________________

***

  1. Nun m’aricordo bene in che paesetto,
    quanno che mòre un capo de famìa,
    er parentado je fa compagnia,
    facenno un pranzo intorno ar cataletto. … (continua)

    Comment di Stefano — 11 Ottobre 2014 @ 07:56
  2. Questo sonetto non lo conoscevo. L’atto del mangiare è contrapposto alla morte, quasi a volerla tenere più lontana possibile!
    Buona Giornata!

    Comment di maria letizia — 30 Giugno 2018 @ 11:38
  3. Sto sonetto der Fabrizi m’aricorda de quann’ero fanello. In occasione der funerale, dopo lasciato er defunto ar Verano se faceva sosta in una delle trattorie, magari più osterie, presenti ner piazzale. Mo’ nun so come ce se comporta ‘ntorno ai nòvi cimiteri. Paese che vai, usanza che trovi.

    Comment di 'svardo — 30 Giugno 2018 @ 14:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>