Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

13 Ottobre 2014

Pezzi d’arte e pezzi de …

Pezzi d’arte e pezzi de …

***

“Impara l’arte e mettila da parte”,

li detti antichi nun sbajeno mai,

“così ce pòi pagà la Tasi, sai?”,

ce l’ha detto er Ministro a sòn de carte.

***

Ché d’ora in poi, TARI e CANONE RAI,

se possono verzà in opere d’arte,

cosa che nun se fa manco su Marte,

ma qui in Italia, vale tutto ormai.

***

Arte qualunque sia, tutt’è concesso,

è un modo de sarvà da l’esattore,

va bene tutto, sì, tutto è permesso.

***

E datosi ch’è arte e de valore,

je pòi portà puranche un vecchio cesso,

o paghi tasse co “merda d’autore”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. “Impara l’arte e mettila da parte”,
    li detti antichi nun sbajeno mai,
    “così ce pòi pagà la Tasi, sai?”,
    ce l’ha detto er Ministro a sòn de carte. … (continua)

    Comment di Stefano — 13 Ottobre 2014 @ 07:55
  2. Semo governati da ‘ncapaci, bòni solo a ‘ntrallazza’ pe magnasse quer poco che è arimasto. Compra’ opere d’arte è ‘na forma de risparmio ortre che de passione pe l’arte ‘n se stessa. Mo, dopo che hanno quasi prosciugato i risparmi liquidi (contanti), s’attaccheno pure a l’opere d’arte. Però quelle che, loro, se so’ ‘mboscate a casa o ne le cassette de sicurezza nun se toccheno.

    Comment di 'svardoASR'29 — 13 Ottobre 2014 @ 15:57
  3. N.B.: Sottoligno che nun è ‘na proposta de ‘sto governo, è ‘na legge der 2010 cor Berlusca.

    Comment di 'svardoASR'29 — 13 Ottobre 2014 @ 15:59
  4. LADRONI!

    Comment di letizia — 13 Ottobre 2014 @ 16:37

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>