Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

18 Ottobre 2014

Trilussa – Voi e io

Voi e io

***

Sì, fra me e voi ce córe un gran divario,

come er giorno e la notte, tale e quale,

perché ciavemo tutto diseguale

e la penzamo sempre a l’incontrario.

***

Voi marciate in carozza padronale

e ‘gni giorno cambiate de vestiario,

io, invece, che ciò giusto er necessario,

vado a pedagna e vesto sempre eguale.

***

Voi séte bionna bionna, io moro moro,

voi séte bianca bianca, io nero nero,

voi campate de rennita, io lavoro.

***

Quer che ciò io, nun ce l’avete voi …

Si l’estremi se toccheno davero,

perché nun se toccamo puro noi?

***

Trilussa

______________________

***

  1. Sì, fra me e voi ce córe un gran divario,
    come er giorno e la notte, tale e quale,
    perché ciavemo tutto diseguale
    e la penzamo sempre a l’incontrario. … (continua)

    Comment di Stefano — 18 Ottobre 2014 @ 05:36
  2. Buona giornata e sempre FORZA ROMA

    Comment di letizia — 18 Ottobre 2014 @ 09:28
  3. “Quer che ciò io, nun ce l’avete voi …
    Si l’estremi se toccheno davero,
    perché nun se toccamo puro noi?”
    …..
    Leggenno ‘a vita der Trilussa, me pare d’aricordamme che poi se so’ toccati veramente.

    Comment di 'svardoASR'29 — 18 Ottobre 2014 @ 09:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>