Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Novembre 2014

“L” come lunedì

“L” come lunedì

***

Nun pò tornà così ‘gni sette giorni,

famo ‘gni venti o trenta o, mejo, mai,

intenno dì er lunedì, lo sai,

che me lo chiedi a fà? Vòi ciaritorni?

***

A ciancicà de impicci e imbroji e guai

che porta er lunedì, manco li storni,

l’ucelli che a ‘sti tempi fanno adorni

de guano angoli e pizzi ‘ndove vai.

***

Er lunedì a che serve? Nun capisco.

Cià meno utilità de le zanzare,

finché aritorna, nun lo cambio er disco.

***

Der resto lo tradisce l’inizziale,

la “L” nun è certo singolare,

si vale anche pe “Lazzio” e pe “lazziale”. 

****

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Nun pò tornà così ‘gni sette giorni,
    famo ‘gni venti o trenta o, mejo, mai,
    intenno dì er lunedì, lo sai,
    che me lo chiedi a fà? Vòi ciaritorni? … (continua)

    Comment by Stefano — 3 Novembre 2014 @ 08:15
  2. Certo che il lunedì proprio lo odi (nel senso di odiare)

    ….
    Per quanto riguarda il pensiero del giorno sono d’accordo, ma nessuno ne parla: a Roma avrebbero squalificato l’olimpico.

    Comment by letizia — 3 Novembre 2014 @ 10:53
  3. Lassamo la “L” a li lassiali, è pure troppo perché è maiuscola, ner mentre loro so’ minuscoli e aribattezzamo er primo giorno d’a settimana, dedicato a la Luna, in: Moonedì. Tra tante parole storpiate in inglese questa nun ce sta male e famo felice Stefano ché j’avemo eliminato er nome che principia co la “L”

    Comment by 'svardoASR'29 — 3 Novembre 2014 @ 13:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>