Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

7 Novembre 2014

‘Na vorta era pioggia e mo’ è diluvio

‘Na vorta era pioggia e mó è diluvio

***

E tocca ancora aritornà sur tema

de cui s’è già rimato tante vorte,

de l’acqua che viè a bombe, dritte e storte,

quanno che piove oggi è un ber probblema.

***

Ormai nun scenne più ‘na pioggia forte,

che tanto prima o poi s’abbassa e scema,

mó scroscia da pertubbazzione estrema,

ch’er cèlo pare vò esaurì le scorte.

***

Quanno scènziati parleno der clima

ch’ormai sta a squilibbrasse in tutto er monno,

e gnente pò tornà a com’era prima …

***

… potenti e autorità se fanno un sonno

ché tanto che je frega de ‘sta stima,

j’abbasta avecce er culo ar callo, in fonno.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

  1. E tocca ancora aritornà sur tema
    de cui s’è già rimato tante vorte,
    de l’acqua che viè a bombe, dritte e storte,
    quanno che piove oggi è un ber probblema. … (continua)

    Comment di Stefano — 7 Novembre 2014 @ 07:55
  2. Tanto tuonò che piovve…!

    Comment di Silvio — 7 Novembre 2014 @ 11:22
  3. Pensiero del giorno: marino = schettino!
    Mo’ le chiamano bombe d’acqua, prima erano temporali!

    Comment di letizia — 7 Novembre 2014 @ 12:04
  4. Se tratta de progresso metrologgico. Una vòrta era la pioggerellina novembrina che ce aricordava er 2 novembre, adesso ‘n quer giorno c’è er sole, ner mentre pe San Martino sarà er contrario; ‘nvece der sole pioverà e speramo nun sieno artre bombe o grandinate.
    S’è arovesciato er monno. Fossero tutti sti missili o satelliti sparati nello spazio?

    Comment di 'svardoASR'29 — 7 Novembre 2014 @ 16:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>