Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Poesie romanesche

8 Novembre 2014

Trilussa – Romanità

Romanità

***

Un giorno, ‘na signora forastiera,

passanno cor marito,

sotto l’Arco de Tito,

vidde ‘na gatta nera

spaparacchiata fra l’antichità.

***

“Micia, che fai?”, je chiese e je buttò

un pezzettino de biscotto ingrese,

ma la gatta, scocciata, nu’ lo prese

e manco l’odorò.

Anzi la guardò male

e disse co un’aria strafottente:

“Grazzie, madama, nun me serve gnente:

io nun magno che trippa nazzionale!”

***

Trilussa

_________________________

***

  1. Un giorno, ‘na signora forastiera,
    passanno cor marito,
    sotto l’Arco de Tito,
    vidde ‘na gatta nera
    spaparacchiata fra l’antichità. … (continua)

    Comment by Stefano — 8 Novembre 2014 @ 08:10
  2. Buon sabato a tutti!

    Comment by letizia — 8 Novembre 2014 @ 11:00
  3. E sabato trippa. Dissero che l’€uro ciavrebbe sarvato, e ‘nvece ce sta affossa’. Come ‘a trippa d’a gatta, me sa ch’era mejio ‘a “liretta nazzionale”. Purtroppo le crisi ariveno sempre quanno ar comanno ce so’ quelli che dall’opposizzione fanno casino, ma ar governo nun accetteno opposizzione e la polizia mena sodo.

    Comment by 'svardoASR'29 — 8 Novembre 2014 @ 11:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>