Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

4 marzo 2018

Dar Vangelo der giorno: “la cacciata de li mercanti dar Tempio”

Dar Vangelo der giorno:

“la cacciata de li mercanti dar Tempio”

***

Fece ‘na frusta co le cordicelle,

cacciò così li mercanti dar Tempio,

gridanno: “Che è ‘sto schifo? Che è ‘sto scempio?

Portate via colombe e pecorelle!”

***

E a li giudei je fece: “Bell’esempio

che state a dà dar Padre Mio co quelle

monete, invece de stà a usà favelle,

pe convertì er peccatore e l’empio!”

***

E quelli allora lì vollero un segno,

je disse: “Io, in tre giorni, l’arifaccio

si distruggete er Tempio in marmo e legno”.

***

Ma era pe dì che Lui sarebbe morto,

(er Tempio era er Suo Corpo) co l’allaccio

a li tre giorni dopo in cui è Risorto.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Fece ‘na frusta co le cordicelle,
    cacciò così li mercanti dar Tempio,
    gridanno: “Ch’è ‘sto schifo? Ch’è ‘sto scempio?
    Portate via colombe e pecorelle!” … (continua)

    Comment by Stefano — 9 novembre 2014 @ 06:27
  2. Bon giorno. Il Santo Vangelo odierno, calza apennello cn la giornata elettorale. Speriamo di cacciare i farisei che, da anni, mortificano il popolo italiano.

    Comment by 'svardo — 4 marzo 2018 @ 09:42
  3. Anche Gesù una volta ha perso la Sua Santa Pazienza!
    Mi aggiungo alla speranza di ‘svardo!
    Buona Domenica.

    Comment by maria letizia — 4 marzo 2018 @ 12:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>