Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Marzo 2018

Er pettegolo

Er pettegolo

***

Stai sempre a mormorà de questo e quello,

nun ce n’è uno ar monno che va bene.

E t’amareggi er sangue ne le vene,

in de l’afflusso tra er còre e er cervello.

***

Stai sempre pronto, co le gote piene,

a vomità parole in ritornello,

in grado de tajà come un cortello,

contro chiunque, e pure si cià pene.

***

Ce n’hai pe tutti, eppoi de tutti quanti

conosci a menadito ‘gni difetto,

le storie più anniscoste e più scottanti.

***

 Però quanno quarcuno più diretto, 

te fa notà li impicci tua … (e sò tanti)

risponni: “No, io no, io so’ perfetto”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Stai sempre a mormorà de questo e quello,
    nun ce n’è uno ar monno che va bene.
    E t’amareggi er sangue ne le vene,
    in de l’afflusso tra er còre e er cervello. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 Novembre 2014 @ 08:08
  2. Un sor Ciaccola o Ciacola alla veneta, Ciacàron alla romagnola, nun manca mai; sia che t’aricconta li guai sua o l’affari de l’antri. Er monno è vario e c’è posto pe tutti.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 18 Agosto 2017 @ 09:53
  3. E’ il vizio di chi vive ben poco in prima persona e molto in finestra a impicciarsi della vita degli altri. Il pettegolezzo è un sottile strumento diabolico, ferisce infatti più la lingua che la spada!

    Comment by Silvio — 23 Marzo 2018 @ 10:02
  4. Il pettegolo è, in realtà, un maldicente che vede il pelo altrui, ma non la trave che ottenebra il suo cervello. Alla larga da gente
    simile!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 23 Marzo 2018 @ 11:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>