Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

7 Novembre 2020

G.G. Belli – L’arte

L’arte

***

Gran bell’arte è er pittore, lo scoparo,

er giudice, er norcino, er rigattiere,

er beccamorto, er medico, er cucchiere,

lo stroligo, er poveta e ‘r braghieraro.

***

Più mmejj’arte è er cerusico, er barbiere,

er coco, er votacàntera, er notaro,

er ciarlatano, er curiale, er chiavaro,

e ll’oste, e lo spezziale e ‘r funtaniere.

***

Stupenna è ll’arte de chi ssona e canta,

cuella der banneraro e dder zartore,

e ttant’artre da dì, ffino a millanta.

***

Ma la prima de tutte è er muratore,

ché quanno s’arifà la Porta Santa,

Capo-Mastro chi è? Nostro Signore.

***

G.G. Belli

_________________________

***

  1. Gran bell’arte è er pittore, lo scoparo,
    er giudice, er norcino, er rigattiere,
    er beccamorto, er medico, er cucchiere,
    lo stroligo, er poveta e ‘r braghieraro. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 Novembre 2014 @ 09:22
  2. Meraviglioso sonetto. Adesso devo mettermi di buzzo buono a cercare il significato delle parole dimenticate: braghieraro, stroligo, banneraro, votacatera…

    Comment by Pablo BigHorn — 7 Novembre 2020 @ 12:25
  3. Bellissimo sonetto, con tutti i mestieri (qualcuno come mestiere non esiste più!): lo stroligo è l’astrologo, braghierario, fa e vende i cinti erniari, votacantera è lo svuota cessi ecc. Non è stato facile, ma per fortuna ho tutti i sonetti del Belli in un trittico che ne ha la bellezza di 3004 che, credo, siano tutti quelli che il poeta ha scritto!
    Buon Pomeriggio.

    Comment by letizia — 7 Novembre 2020 @ 16:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>