Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

13 Agosto 2016

Trilussa – L’arbero genealoggico

L’arbero genealoggico

***

Tra li quadri ch’er conte tiè attaccati,

c’è un arberone indove ce se ponno

vedé come quarmente l’antenati

uno pe uno sò venuti ar monno.

***

Su ‘st’arberone qui, da cima a fonno,

ce stanno tutti nomi scritturati:

da la radice ch’ha piantato er nonno,

sino a l’urtimi fiji che sò nati.

***

A me, però, me pare ‘na scemenza

d’avello incorniciato: la radice,

bella che vecchia, ancora sta in crescenza.

***

Mó er conte pija moje: de qui a un anno

bisognerà ch’allunghi la cornice

pe li gran rami che je spunteranno.

***

Trilussa

____________________________

***

  1. Tra li quadri ch’er conte tiè attaccati,
    c’è un arberone indove ce se ponno
    vedé come quarmente l’antenati
    uno pe uno sò venuti ar monno. … (continua)

    Comment by Stefano — 29 Novembre 2014 @ 07:06
  2. Bellissima!


    SEMPRE FORZA ROMA!

    Comment by letizia — 29 Novembre 2014 @ 13:19
  3. Li rami che cresceranno saranno li fij a ciascunio de li quali annerà rifatto ‘n’arbero co artre radici, ché probabirmente avranno artre ascennenze. Casi d’arta aristocrazzia.

    Comment by 'svardoASR'29 — 29 Novembre 2014 @ 18:26
  4. Bonsabato a tutti. Daje cor Trilussa der sabbato. Li tempi so’cambiati; oggi, pure l’anzianotti pònno fa cresce rami direttamente da le radici, anzichè da le fronne arte.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 13 Agosto 2016 @ 09:58
  5. Forte Trilussa!
    Buon Sabato!

    Comment by letizia — 13 Agosto 2016 @ 11:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>