Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Dicembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “l’Annuncio de l’Angelo”

Dar Vangelo der giorno: “l’Annuncio de l’Angelo”

***

L’Arcangelo, inviato dar Signore,

annò diretto a casa de Maria,

quanno fu là je disse: “Santa e Pia,

nun impauritte, anzi, apri er còre.

 ***

Piena de Grazzia, Dio vole Tu sia,

la Madre de Su’ Fìo, er Sarvatore,

che nascerà pe l’omo peccatore,

che chiamerai Gesù, e sarà er Messia”.

 ***

Maria je fece allor: “Come pò èsse?

Io nun conosco omo” e Gabbriele

rispose: “Dio vò adempie le promesse”.

 ***

E Lei je replicò: “Serva fedele,

der Mio Signore e Lui de Me facesse

la Madre Santa de l’Emmanuele.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. L’Arcangelo, inviato dar Signore,
    annò diretto a casa de Maria,
    quanno fu là je disse: “Santa e Pia,
    nun impauritte, anzi, apri er còre. … (continua)

    Comment by Stefano — 8 Dicembre 2014 @ 08:01
  2. Bellissima questa ode a Maria, Madre di Gesù e Madre nostra!

    Comment by letizia — 8 Dicembre 2014 @ 17:53
  3. Vergine Santa, stendi la tua mano su questo mondo di peccatori e salvaci!
    Buona e Santa Festa a tutti.

    Comment by letizia — 8 Dicembre 2017 @ 12:27
  4. Giro a tutti questa stupenda preghiera di Don Tonino Bello dedicata alla Vergine della notte: …… https://www.youtube.com/watch?v=U93uBTr3xVg

    Comment by 'svardo AsR'29 — 8 Dicembre 2017 @ 13:28
  5. ….E ‘n giornoarzanno l’occhi dar lavoro,
    Maria teviddee, su la finestrrella,
    l’angelo che faceva capoccella,
    co’ ‘na raggera ‘n testa tutta d’oro.
    E se sentì nell’aria come ‘n coro
    de voci che cantaveno: “Sei bella,
    tu sei piena de grazia, tu sei quella
    ch’è vicina ar Signore ‘n seculoro.
    L’angelo Gabriele te saluta,
    sei fra tutte le donne benedetta!”
    A senti’ questo, Lei, quasi svenuta
    pe’ l’emozione, smessa la carzetta,
    se ne rimase lì, timida e muta,
    a testa bassa, su la seggioletta.
    Fra se pensava:”Che discorso è questo?”
    L’angelo disse:”Nun ave’ paura,
    Sta tranquilla, nun fa la faccia scura,
    tu dovrai resta’ incinta, e sarà presto”.
    Disse Maria, prima de senti’ er resto:
    “Come pò esse’? Io so’ sempre pura!”
    E l’angelo:”A chi ha fatto la natura,
    ar Signore, je basterà fa’ ‘n gesto:
    e lo Spirito Santo, da lassù,
    te sfiorerà, senza lassa scompijo.
    Ecco, sei stata scerta propio tu,
    tu dovrai partori’ pe’ tutti ‘n fijo,
    ch’a tempo suo chiamerai Gesù,
    e tu resterai pura come ‘n gijo”.
    DAR VANGELO SECONNO NOANTRI di Bartolomeo Rossetti

    Comment by 'svardo AsR'29 — 8 Dicembre 2017 @ 14:10
  6. Bellissimo sonetto de Stefano, che de ‘n fiato, ce aricconta er mistero d’a Santissima Concezzione.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 8 Dicembre 2017 @ 14:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>