Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Dicembre 2014

Er “Sì” de Maria

Er “Sì” de Maria

 ééé

Me provo a figurà cos’ha penzato

quann’è arivato l’Angelo, Maria,

pe dije: “Sei la Madre der Messia”,

quer Pupo che da Lei sarebbe nato.

***

Un’artra ar posto Suo: “No, mamma mia,

ma che stai a dì?”, j’avrebbe replicato,

“Io t’aringrazzio, … guarda … che peccato,

nun posso esaudì ‘sta fantasia”.

***

E invece Lei, ha solo aperto bocca

p’arisponneje: “Sì, so’ qui, presente”,

 senza cercà ‘na quar scusa farlocca.

***

Da quer momento in poi, e eternamente,

e no sortanto in quarche filastrocca,

è diventata MADRE  ar DIO VIVENTE.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Me provo a figurà cos’ha penzato
    quann’è arivato l’Angelo, Maria,
    pe dije: “Sei la Madre der Messia”,
    quer Pupo che da Lei sarebbe nato. … (continua)

    Comment di Stefano — 21 Dicembre 2014 @ 07:57
  2. Bellissimi versi dedicati alla nostra Mamma Celeste! Grazie!

    Buona domenica a tutti.

    Comment di letizia — 21 Dicembre 2014 @ 13:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>