Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

22 Dicembre 2014

S’è fatto come noi

S’è fatto come noi

***

S’è fatto come noi, prova a penzallo,

poteva scenne in Tera sopr’a un trono,

Lui Re de Re, co trombe e squilli e ar sòno

de intere schiere d’angeli a osannallo.

***

S’è fatto, invece, piccolo e pe dono

cià rigalato un tempo pe imitallo,

sin da pupetto ar canto de quer gallo

in quela n0tte che nun cià perdono.

***

Un pupo a frigne ne la mangiatoja,

così s’è presentato a tutto er monno,

co li pastori a contemplà la gioja …

***

… ‘na stella in cèlo a segnalà giù in fonno

ch’è Dio quer pupo che pìa er latte e ‘ngoja,

se ciuccia er dito e casca giù dar sonno.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. S’è fatto come noi, prova a penzallo,
    poteva scenne in Tera sopr’a un trono,
    Lui Re de Re, co trombe e squilli e ar sòno
    de intere schiere d’angeli a osannallo. … (continua)

    Comment di Stefano — 22 Dicembre 2014 @ 08:37
  2. Un’altra splendida perla! Grazie!

    Comment di letizia — 22 Dicembre 2014 @ 08:46
  3. Per quanto riguarda il pensiero del giorno, vorrei precisare che col Sassuolo non abbiamo avuto alcun aiuto, ma solo quello che ci spettava.

    Comment di letizia — 22 Dicembre 2014 @ 08:48
  4. “…sin da pupetto ar canto de quer gallo, in quela notte che nun cià perdono”, splendide pennellate de divina poesia! E’ il profondo mistero del Dio-uomo ma con un’inequivocabile indicazione: la via per la salvezza passa attraverso l’umiltà, la semplicità, il farsi piccoli e il donarsi!

    Comment di Silvio — 22 Dicembre 2014 @ 09:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>