Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Febbraio 2019

Dar Vangelo der giorno: “la Presentazzione de Gesù ar Tempio”

Dar Vangelo der giorno:

“la Presentazzione de Gesù ar Tempio”

***

Giuseppe co Maria sò iti ar Tempio,

pe presentà er Bambin Gesù ar Signore,

come previsto, e lì c’era un Dottore

de nome Simeone, un granne esempio …

 ***

… de omo giusto e pio, che co onore

quanno li vide disse: “Er còre ariempio

de ’gni soddisfazzione e nun me stempio

si pure mó annerò dar Creatore.

 ***

Ché posso dì co ’st’occhi d’avé visto,

Colui che porterà sarvezza ar monno,

de più che posso fà, pure che esisto?”

 ***

Prese Maria e je disse: “Ner profonno

verai trafitta un dì, ma Lui è er Cristo,

e dovrà fàllo sempre, fino in fonno”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Giuseppe co Maria sò iti ar Tempio,
    pe presentà er Bambin Gesù ar Signore,
    come previsto è lì c’era un Dottore
    de nome Simeone, un granne esempio … (continua)

    Comment by Stefano — 28 Dicembre 2014 @ 09:16
  2. Per la Candelora dell’inverno semo fora,ma se piove e tira vento dell’inverno semo dentro! L’inverno non è finito!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 2 Febbraio 2019 @ 16:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>