Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

29 Dicembre 2014

A…strologi

A…strologi

***

’Gni fine d’anno ariva, puntuarmente,

er tempo in cui l’astrologi e ’ndovini,

scrutanno carte, stelle e pianetini,

ce vonno ariccontà l’anno seguente.

 ***

Vorebbero svelà fati e destini,

co previsioni certe de un ber gnente,

pe cojonà così tutta la gente,

sfilannoje in saccoccia li quatrini.

 ***

Ché si arileggi mó le profezzie

quer che veniva dato pe sicuro,

nun è successo, manco in fantasie.

 ***

De certo l’anno prossimo venturo,

cià solo che tra oroscopi e maggìe,

’sti maghi se sistemeno er futuro.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. ’Gni fine d’anno ariva, puntuarmente,
    er tempo in cui l’astrologi e ’ndovini,
    scrutanno carte, stelle e pianetini,
    ce vonno ariccontà l’anno seguente. … (continua)

    Comment by Stefano — 29 Dicembre 2014 @ 07:39
  2. Possibile che c’è ancora chi crede agli a…stro…logi! Che imbocconi!

    Comment by letizia — 29 Dicembre 2014 @ 13:01

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>