Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

3 Gennaio 2015

Malinconie

Malinconie

***

Ner giardinetto accanto ar monastero,

sette pupetti fanno er girotonno

e in mezzo ar cerchio ciànno messo er nonno,

tutto contento d’èsse priggiognero.

***

M’affaccio e guardo e chiudo in un penziero

er gran dolore d’èsse solo ar monno,

senza nemmanco un diavoletto bionno,

senza nemmanco un angioletto nero.

***

Si me fussi deciso a pijà moje

fórze pur’io ciavevo un ber pupetto,

ch’è sempre la più cara de le gioje.

***

“Papà, papà …” – Me pare de vedello.

Ma che me dico. A ‘st’ora l’angioletto

sarebbe già tenente colonnello.

***

Trilussa

_______________________

***

  1. Ner giardinetto accanto ar monastero,
    sette pupetti fanno er girotonno
    e in mezzo ar cerchio ciànno messo er nonno,
    tutto contento d’èsse priggiognero. … (continua)

    Comment di Stefano — 3 Gennaio 2015 @ 12:15
  2. E’ vero, ner penziero e ne li sogni nunce accorgemo der tempo che passa: pare sempre d’esse’ieri, ner mentre, ‘nvece, già stamo ar domani e li fjij, sognati o aricordati piccoli, so’ addiventati ommeni e iti pe er monno e noi ….. sempre uguarmente soli semo.

    Comment di 'svardoASR'29 — 3 Gennaio 2015 @ 16:19
  3. Mai piangere sul latte versato, non serve a niente!

    Comment di letizia — 3 Gennaio 2015 @ 20:44
  4. Grandissimo Trilussa! Mi sembra che in effetti il Salustri, rimasto orfano di padre sin da piccolo, non si sposò mai, è vero?

    Comment di Pablo BigHorn — 4 Gennaio 2015 @ 00:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>