Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Gennaio 2015

La Befana de ‘na vorta

La Befana de ‘na vorta

***

Dovressimo tornà a com’era allora,

quer tempo antico quanno che a Natale,

se festeggiava, sì, un cenone uguale,

poi Messa e auguri là, sortiti fòra.

***

Gnent’artro: no a rigali e rituale

ché nun se sa Chi se festeggia e onora,

ma ch’è quer mercimogno che c’è ora,

e è cristiano solo in via formale.

***

A Roma nostra, quella de ‘na vorta,

c’era la tradizzione, ormai lontana,

che co Babbo Natale s’è stravorta …

***

… de dasse li regali a la Befana,

 come a l’Epifania, co Magi e scorta

de oro, incenzo e mirra … a la cristiana.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Dovressimo tornà a com’era allora,
    quer tempo antico quanno che a Natale,
    se festeggiava, sì, un cenone uguale,
    poi Messa e auguri là, sortiti fòra. … (continua)

    Comment di Stefano — 5 Gennaio 2015 @ 09:22
  2. Quando ero una bambina la befana mi portava i regali che metteva ai piedi del letto, ed erano noci, caramelle e mandarini. Ma quelli erano altri tempi!

    Comment di letizia — 5 Gennaio 2015 @ 13:56
  3. LA BEFANA: ricordi ormai lontani, pure ‘n pò sbiaditi. Er trenino de legno, er cavalluccio a dondolo, ‘a costruzzione de legno: era ‘a Befana fascista. Nun me pare d’ave’ sentito parla’ d’a Befana comunista. Pedrò se stava bene pe chi teneva ‘a tessera der partito e teneva er lavoro, ma senza ‘a tessera era ‘a miseria nera, ma propio nera. C’era chi nun poteva paga’ er gasse e cucinava cor carbone o co ‘a carbonella che costaveno cari, artrimenti annava prenne er da magna’ ar Circolo San Pietro. Oggi piagneno povertà, ma tengheno ‘o smartophone o er tablette , ‘a TV de Sky o de Premium e ‘a machina, pure grossetta.
    Si Leti’, ereno artri tempi e n’ho conosciuta tanta de sta gente coraggiosa. Oggi ‘a maggior parte de chi se professa antifascista è erede de chi annava a piazza Venezia esurtante a batte ‘e mani. Quelli cor distintivo e ‘a tessera so’ spariti subbito dopo er ’45, hanno messo ‘n’antro distintivo e presa ‘n’antra tessera e so’ stati o stanno, come allora, ne li mejo posti de lavoro a tempo ‘ndeterminato.
    So’ ricordi de ‘n regazzino d’allora, che ha vissuto er cambiamento. Ma chi je l’ha fatto fa’ a mi padre de resta’ sempre, fino a la fine repubblicano mazziniano.

    Comment di 'svardoASR'29 — 5 Gennaio 2015 @ 16:46
  4. Ciao Ste’, se ritieni che er commento nun sfasciola cor tema ‘o pòi pure banna’.

    Comment di 'svardoASR'29 — 5 Gennaio 2015 @ 16:49
  5. Non avevo capito che “Pino” era Pino Daniele. Ora canta nel coro degli Angeli.

    Comment di letizia — 5 Gennaio 2015 @ 17:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>