Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Gennaio 2015

Stanco d’èsse “1”

Stanco d’èsse “1”

***

Un “1” stanco de la posizzione,

un giorno s’arzò e chiese de spostasse:

“So’ stufo de fà er primo de la classe,

e d’èsse tizzio bono a ‘gni occasione.

***

Eppoi so’ solo e basta co ‘st’impasse

che “UNO” è in solitudine e in priggione,

vojo capì er percome e la raggione

che tocca sempre a me nun stà mai in asse.

***

Me chiameno o er nano o er piccoletto,

 e ‘gnuno cià le fisime più sue,

so’ straccp de fà principià er caretto.

***

Tu penza a quante paranoje tue,

ma io me sposto e scivolo diretto,

d’ora in avanti er primo lo fa er “2”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Un “1″ stanco de la posizzione,
    un giorno s’arzò e chiese de spostasse:
    “So’ stanco de fà er primo de la classe,
    costretto a vince, sempre a ‘gni occasione. … (continua)

    Comment di Stefano — 9 Gennaio 2015 @ 08:44
  2. A Ste’ hai una fantasia infinita: è stupendo!

    Comment di letizia — 9 Gennaio 2015 @ 13:40
  3. Er numero 1 è numero primo e come tutti i numeri primi rimane isolato. Tra l’ommeni ce ne so’ tanti che, pure credennose primi, ‘nvece so’ l’urtimi. Tanti de questi hanno arovinato st’Italia e la stanno ancora a rovina’.
    Cmq, te Ste’, una ne penzi e cento ne scrivi: UN VURCANO.

    Comment di 'svardoASR'29 — 9 Gennaio 2015 @ 18:25
  4. molto carina…

    Comment di Gabriele — 12 Gennaio 2015 @ 14:09
  5. Beh io sarei stanca di essere uno 0!

    Comment di principessa — 14 Gennaio 2015 @ 18:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>