Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 Agosto 2016

A l’urtimo spettacolo

A l’urtimo spettacolo

***

Nun conta certo er firm, quale che sia,

io a l’urtimo spettacolo, tranquillo,

come comincia, caracollo brillo,

 la parpebbra me cala a fantasia.

***

Barcollo un po’, poi, come faccio a dillo,

che nun dipenne da la compagnia,

si ciò un attacco de narcolessia,

sbarello e casco che manco un birillo.

***

Er firm lo faccio io e è assai più mejo

mentre me sò addormito su in portrona,

ma sur più bello sempre m’arisvejo …

***

… a luci accese e gente che me schioda

dicennome: “Hai russato”, eppoi arisona

la sigla co li titoli de coda.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Nun conta certo er firm, quale che sia,
    io a l’urtimo spettacolo, tranquillo,
    come comincia, caracollo brillo,
    la parpebbra me cala a fantasia. … (continua)

    Comment di Stefano — 16 Gennaio 2015 @ 08:11
  2. C’è stato un tempo in cui andavo al cinema solo all’ultimo spettacolo (inizio film alle 23,30), e non mi sono mai addormentata: ma quelli erano bei tempi.
    Buona giornata a tutti!

    Comment di letizia — 16 Gennaio 2015 @ 10:56
  3. Strepitosa la frase del giorno!!!

    Comment di Silvio — 16 Gennaio 2015 @ 12:41
  4. L’urtimo spettacolo era pe’ li pomicioni, perché, ner mentre er resto d’a platea s’addormiva, c’ereno meno ‘mpiccioni.
    Mo da solo, m’addormo davanti ar TV.

    Comment di 'svardoASR'29 — 16 Gennaio 2015 @ 15:45
  5. PENZIERO DE GIORNO…..
    Vojo sperà davvero che ‘a Roma vinca ‘o scudo, poi vedemo se er presidente, cianciante aria a vòto su li fatti de casa Roma, è perzona seria che mantie’ ‘e promesse.

    Comment di RomamoR AsR '929 — 16 Gennaio 2015 @ 15:49
  6. al cinema m’è successo solo con Le fate ignoranti… mamma mia che palle, e che bel sonnellino 🙂

    Comment di Gabriele — 16 Gennaio 2015 @ 17:57
  7. Bongiorno. Si succede che t’addormi a l’urtimo spettacolo, pò esse ‘n fatto comprensivo. Er sonoro der firme copre er russamento e pò pure anna’. Penza si te capita de russa’ a teatro, andove c’è silenzio e se sente a malappena ‘a voce der recitante.
    Me capita davanti ar televisore, ar firme ‘n prima serata e m’arisvejo ch’è mezzanotte. Mai fatta ‘na dormita più gustosa.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 8 Agosto 2016 @ 06:56
  8. Se c’è qualcosa che fino ad ora non mi è mai successo è stato addormentarmi davanti ad uno spettacolo in TV O cinema: alle brutte, mi alzo e vado a dormire.
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 8 Agosto 2016 @ 09:32
  9. Mai successo neanche a me di dormire al cinema, anche perché per addormentarmi in generale me ce vò l’anestesia…

    Comment di Silvio — 8 Agosto 2016 @ 10:37

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>