Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Gennaio 2015

Dar Vangelo der giorno: “li primi du’ discepoli”

Dar Vangelo der giorno: “li primi du’ discepoli”

***

Li primi du’ discepoli ch’ha scerto,

già ereno seguaci der Battista,

conobbero Gesù e a quela vista

je chiesero: “Rabbì, ‘ndó stai ar coperto?”

***

Gesù, a li due ch’aveva messo in lista,

allora j’arispose, de concerto:

“Venite appresso a me e vedrete, certo,

‘ndó abbito e chi so’ … si ve conquista?”

***

Le 4, pressappoco, ar pomeriggio

quanno successe er fatto ariccontato,

 ma nun fu mica un gioco de prestiggio …

***

… la scerta de li due che c’era addietro,

Giovanni e Andrea, er primo ch’ha parlato,

fratello de Simone, che fu Pietro.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Li primi du’ discepoli ch’ha scerto,
    già ereno seguaci der Battista,
    conobbero Gesù e a quela vista
    je chiesero: “Rabbì, ‘ndò ciài er coperto?” … (continua)

    Comment di Stefano — 18 Gennaio 2015 @ 06:09
  2. Anche oggi magistralmente messo in rima il Vangelo del Giorno. Grazie!

    Comment di letizia — 18 Gennaio 2015 @ 10:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>