Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Gennaio 2015

Nun se ponno evità

Nun se ponno evità

***

Impicci e guai e noje, co penzieri,

le anzietà, le preoccupazzioni,

l’inghippi e le rotture de cojoni,

nun se ponno evità, a èsse sinceri.

***

Chi più, chi meno, senza fà eccezzioni,

dovemo da affrontà periodi neri,

è er gioco d’èsse ar monno omini veri,

e no pajacci buffi o bamboccioni.

***

Ma quer che conta è de sapé affrontalle

tutte l’avverzità co forza d’Io

e co la volontà de superalle.

***

 Quanno nun ce la fai, er conzijo mio,

prima de mollà tutto e arzà le spalle,

è ricordete de chiede aiuto a Dio.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Impicci e guai e noje, co penzieri,
    le anzietà, le preoccupazzioni,
    l’inghippi e le rotture de cojoni,
    nun se ponno evità, a èsse sinceri. … (continua)

    Comment by Stefano — 19 Gennaio 2015 @ 08:40
  2. Bellissimo! Hai ragione: bisogna sempre chiedere aiuto a Dio, solo lui ci può salvare.

    Comment by letizia — 19 Gennaio 2015 @ 11:32
  3. Prendersi responsabilità e affrontare i problemi invece di schivarli fa di noi persone vere!

    Comment by Silvio — 19 Gennaio 2015 @ 12:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>