Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Gennaio 2015

Potere de l’accento

Potere de l’accento

***

A vorte basta prenne ‘na parola

e metteje o levaje un solo accento,

che cambia tutto er senzo in un momento,

l’accento, ossia ‘na virgola che vola.

***

Pe fà un esempio de ‘st’inzegnamento,

senza filosofà, né stà a dà scòla,

prennemo un “SE” e vedemo come scola

de senzo co un accento acceso o spento.

***

Quer “SE” così quanno che viè accentato,

è un “io” che cià la piena conoscenza

de quer che è, e qual è er propio stato.

***

Ma quanno de l’accento resta senza,

quer “SE” se fa ipotetico e tracciato

ar dubbio a cui je fa da quintessenza.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. A vorte basta prenne ‘na parola
    e metteje o levaje un solo accento,
    che cambia tutto er senzo in un momento,
    l’accento, ossia ‘na virgola che vola. … (continua)

    Comment by Stefano — 23 Gennaio 2015 @ 08:17
  2. Se la tastiera nun tiene le maiuscole accentate m’ho da arangia’ co l’apostrofo. So’ ‘gnorante e nun conosco ‘n’antro siatema.

    Comment by 'svardoASR'29 — 23 Gennaio 2015 @ 09:27
  3. La ricchezza di una lingua neolatina come la nostra: cambia un accento e muta il significato, sposti una virgola a una frase e varia totalmente il senso!

    Comment by Silvio — 23 Gennaio 2015 @ 10:08
  4. “…l’accento, ossia ‘na virgola che vola…”, bel paragone e bel sonetto!

    Comment by letizia — 23 Gennaio 2015 @ 11:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>