Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Gennaio 2017

Batte le brocchette

Batte le brocchette

***

Se batteno le brocche stammatina,

— ma che vor dì ’sto batte de brocchette? —

Ma come che vor dì? Sò frasi dette

pe rènne er senzo ne la parlantina.

***

Brocchette, a guardà bene e annà a rifrette,

cià già er ”BR” a imBRividì de BRina

la pelle de l’OCHETTE e se ‘ntorcina

cor “batte” a dà l’idea che nun la smette.

***

Le brocche o le brocchette sò li denti,

così arisurta tutta l’espressione

pe surgelatte, solo che la senti.

***

Si nun cià un senzo loggico er pippone,

che ve sto a fà, capiteme artrimenti:

me s’è ghiacciato l’urtimo neurone.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Se batteno le brocche stammatina,
    — ma che vor dì ’sto batte de brocchette? —
    Ma come che vor dì? Sò frasi dette
    pe rende er senzo ne la parlantina. … (continua)

    Comment di Stefano — 24 Gennaio 2015 @ 07:00
  2. SZi, batte ‘e brocchette è quanno er freddo te pizzica l’orecchie e le punte de le dita pareno pizzicate da l’uccelletti. Se dice pure che so’ arivati, il frescatani (i venti de Frascati) a tramontana. Batte e brocchette è quanno vedi ‘a gente pe strada che se alita sulle dita p’arisvejalle.
    AMMAZZA AOH QUANTO FA FREDDO!!!

    Comment di 'svardoASR'29 — 24 Gennaio 2015 @ 15:50
  3. Ragazzi ma ci rendiamo conto?!?! Questo sonetto e’ una meraviglia di arguzia, intuito, romanismo, sagacia e umorismo. In una parola, CAPOLAVORO. Chapeau Stefano, sei un grandissimo!

    Comment di Paolo bighorn — 25 Gennaio 2015 @ 16:44
  4. Condivido in pieno il tuo affettuoso pensiero del giorno in memoria di una straordinaria persona con la quale abbiamo condiviso tanti bei momenti di fraterna amicizia!

    Comment di Silvio — 11 Gennaio 2017 @ 10:05
  5. Oggi fa “VERAMENTE” freddo, ma ci consoliamo perché stiamo andando verso l’estate!
    Buona Giornata (gelida)!

    Comment di letizia — 11 Gennaio 2017 @ 12:23
  6. Bonaserata e….state freschi. Brocche o brocchette quanno, battenno li piedi per tera o sartellanno, piegato su te stesso co le mani ‘nfilate sotto l’ascelle ner tentativo de daje ‘na scallata, e ‘gni fiatata è ‘n getto de vapore; stai fermo a la fermata der busse che nun ariva.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 11 Gennaio 2017 @ 17:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>