Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Gennaio 2018

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de omini”

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de omini”

***

Simone stava in barca cor fratello,

quanno arivò Gesù e je disse: “Pietro,

così te chiamerai, tu viemme dietro,

inzieme a Andrea, mollate quer fardello”.

 ***

Poi avanzanno giusto quarche metro,

fece: “Er mestiere vostro è arquanto bello,

da oggi in poi, però, nun è un tranello,

nun sarà più lo stesso, come addietro”.

 ***

Voi cambierete oggetto de la pesca,

che nun sarà più er pesce, come adesso,

ma è l’omo pe cui Io ciò un’artra esca”.

 ***

Andrea co Pietro, in quer momento stesso,

mollarono le reti e ’gni artra fresca

e senza induggio je sò iti appresso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Simone stava in barca cor fratello,
    quanno arivò Gesù e je disse: “Pietro,
    così te chiamerai, tu viemme dietro,
    inzieme a Andrea, mollate quer fardello”. … (continua)

    Comment by Stefano — 25 Gennaio 2015 @ 08:17
  2. Bello: poveri pescatori che lasciano tutto per seguire Gesù!
    Buona Domenica a tutti!

    Comment by letizia — 25 Gennaio 2015 @ 10:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>