Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Gennaio 2020

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de ommini”

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de ommini”

***

Simone stava in barca cor fratello,

quanno arivò Gesù e je disse: “Pietro,

così te chiamerai, tu viemme dietro,

inzieme a Andrea, mollate quer fardello”.

 ***

Poi avanzanno giusto quarche metro,

fece: “Er mestiere vostro è arquanto bello,

da oggi in poi, però, nun è un tranello,

nun sarà più lo stesso, come addietro”.

 ***

Ve cambierò l’oggetto de la pesca,

che nun sarà più er pesce, come adesso,

ma è l’omo pe cui Io ciò un’artra esca”.

 ***

Andrea co Pietro, in quer momento stesso,

mollarono le reti e ’gni artra fresca

e senza induggio je sò iti appresso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Simone stava in barca cor fratello,
    quanno arivò Gesù e je disse: “Pietro,
    così te chiamerai, tu viemme dietro,
    inzieme a Andrea, mollate quer fardello”. … (continua)

    Comment by Stefano — 25 Gennaio 2015 @ 08:17
  2. Bello: poveri pescatori che lasciano tutto per seguire Gesù!
    Buona Domenica a tutti!

    Comment by letizia — 25 Gennaio 2015 @ 10:42
  3. «Vi farò diventare pescatori di uomini»: Seguire Cristo, significa accettare che Egli divenga veramente l’unico Signore della nostra vita farci plasmare dalla Sua Parola, vivere come lui, perdonare ed amare gli altri!
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 26 Gennaio 2020 @ 12:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>