Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Gennaio 2015

Quann’è che vince er Verme

 Quann’è che vince er Verme

***

Quann’è che vince er Diavolo, me chiedi?

Detta così, co un MAI, io t’arisponno.

Ma ce lo so ch’er principe der monno

sopr’a ‘sta Tera vince e tu lo vedi.

***

Lo vedi indentro ar male che se ponno

dà l’ommini l’un l’artro e che nun credi

tarmente t’aripugna e che cià sedi

ner culo de l’inferno più profonno.

***

E vince quanno riesce a dà a se stesso

sembianze d’apparì inesistente

così se ‘nzinua indentro a de ‘gni ingresso.

***

E lì cojona ‘na marea de gente,

co seduzzioni de potere e sesso,

che dànno poco, pe nun dì un ber gnente …

***

Perde, però, quanno nun je va appresso

chi sa che esiste e prega Dio e se pente,

e a  VADE RETRO lo spedisce ar cesso.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Quann’è che vince er Diavolo, me chiedi?
    Detta così, co un MAI, io t’arisponno.
    Ma ce lo so ch’er principe der monno
    sopr’a ‘sta Tera vince e tu lo vedi. … (continua)

    Comment di Stefano — 28 Gennaio 2015 @ 08:21
  2. ERr “verme” ‘nsidioso, dopo ave’,sotto forma de serpente, spronato Eva’a convince Adamo a magna ‘a mela, ce s’è anniscosto dentro pe’ fregallo ar primo mozzico. Da allora nascemo già cor peccato e avemo da fatica’ pe escinne fora. Solo affidannose, co la preghiera, ar Signore Dio de l’Univerzo, potemo sperà de vince.

    Comment di 'svardoASR'29 — 28 Gennaio 2015 @ 16:29
  3. Bello il sonetto e bello anche il commento.
    Buona serata!

    Comment di letizia — 28 Gennaio 2015 @ 20:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>