Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Gennaio 2018

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

***

Gesù è ito allora in sinagoga

de sabbato, così, pe Suo mannato,

quann’ecco, a un tratto, lì un indemognato

je se presenta in tutta la sua foga.

***

“Che vòi da noi?”, je dice, da invasato,

“Sei qui pe rovinacce e co la toga

d’èsse er Santo de Dio, er che t’aroga

diritto come er Re de ‘sto Creato”.

***

“Taci” – Gesù arisponne – “Esci de fòra,

spirito immonno e lassa stà ‘sto fìo”,

quer verme uscì, senza strazziallo ancora.

***

E l’artri intorno a dì: “Chi mai è ‘sto tizzio

Che viè e commanna a tutti, come Dio?” …

E questo fu sortanto che l’inizzio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Gesù è ito allora in sinagoga
    de sabbato, così, pe Suo mannato,
    quann’ecco, a un tratto, lì un indemognato
    je se presenta in tutta la sua foga. … (continua)

    Comment by Stefano — 1 Febbraio 2015 @ 11:56
  2. “E l’artri intorno a dì: “Chi mai è ‘sto tizzio
    Che viè e commanna a tutti, come Dio?” …
    E questo fu sortanto che l’inizzio.”

    E’ quello che, i contrari ar Cristianesimo, rimproverano al Clero, quando questo si intromette nelle innovazzioni di atti civili, che vanno contro la morale cristiana

    Comment by 'svardoASR'29 — 2 Febbraio 2015 @ 00:17
  3. Anche oggi un bellissimo sonetto sul Vangelo del Giorno! Grazie.
    Buona Domenica!

    Comment by letizia — 28 Gennaio 2018 @ 12:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>